Chi Siamo

Siamo Cristina ed Emilio, mamma e figlio, ma la nostra famiglia è composta anche da Antonio, mio marito ed Elena l’altra nostra figlia. Questo progetto nasce dal desiderio di custodire e valorizzare la casa di famiglia, appartenuta prima ai miei nonni e poi ai miei genitori, la casa dove sono nata e cresciuta e che i miei figli hanno vissuto per alcuni anni in compagnia dei nonni. Abbiamo optato per una ristrutturazione di tipo conservativo, per cui certe caratteristiche architettoniche e alcuni pezzi di arredamento sono stati mantenuti e restaurati, per dare quel senso di accoglienza e calore che solo una casa che ha una sua storia può trasmettere.

Il Campanone, chiamato dai senesi Sunto, in onore dell’Assunta, è la campana che si trova in cima alla Torre del Mangia. Fermo lì, Sunto, ad osservare la sua Siena, con i suoi due metri di diametro sembra abbracciarla, quasi come a proteggerla ed è proprio da lì che il rintocco austero del Campanone scandisce i battiti del cuore di ogni senese.

“ Dalla torre cade un suono di bronzo:

la sfilata prosegue fra tamburi

che ribattono

a gloria di Contrade….

…. e lo stupore che invade la conchiglia del Campo…”

Eugenio Montale, Palio 1939